Te cuntu nu cuntu. A Maglie I cunti della nonna

Il Salentino come strumento di espressione per ricordare e assaporare la spensieratezza di quando si è bambini e “i vecchi” un po’per loro diletto narrativo, un po’ per far star buoni i piccoli “te cuntane nu cuntu”. Il libro I cunti della nonna di Nicola Giuseppe De Donno, è stato presentato ieri a Maglie presso la libreria Libri & Musica

Una serata dedicata alla prosa dialettale. Quella di Nicola Giuseppe De Donno, salentino di Maglie. L’evento, a cura di One Consulting Management Communication, si è tenuto alle ore 19.00, presso la libreria Libri & Musica a Maglie. Il nostro dialetto come strumento di espressione per ricordare e assaporare la spensieratezza di quando si è bambini e “i vecchi” un po’per loro diletto narrativo, un po’ per far star buoni i piccoli “te cuntane nu cuntu”. Un tentativo, di aggancio all'attualità e recupero di radici, anche attraverso l’iconografia, ad intervellare, infatti, l’interpretazione orale delle due lettrici dei cunti, Adele Maruccio e Danila Canitano, dei disegni proiettati alle loro spalle. Mentre tra un brano e l’altro le note tradizionali della pizzica salentina. Dalle 19.00 in poi si sono quindi susseguiti: Lu cuntu della musca che riesce finalmente a trovare marito nel silenzioso surgicchiu, ‘Ntoniceddu e lu nanniorcu, La pecura zoppa e Lu cuntu dellu scazzamurrieddu: il folletto capriccioso e dispettoso, tipicamente salentino, alto non più di 30 – 40 centimetri, ospite (anche a nostra insaputa) presso le nostre abitazioni. Tratto distintivo dello scazzamurrieddu: indispettire i proprietari, spesso facendone sparire oggetti. Un lares dei nostri giorni, un moderno protettore del focolare domestico, oltre che la più simpatica spiegazione per interrogativi a cui nessuno saprebbe trovare una risposta. Per concludere la serata una degustazione di prodotti tipici e l’allestimento nella “Stanza del Salento” di una mostra, curata da Emanuele Tondo, con scorci di salentinità. Libri in dialetto o turistico-descrittivi, cibarie, souvenir realizzati a mano. Tante idee-regalo, ideali in questo clima pre-natalizio in cui si va alla ricerca del “cadeau” originale, creativo ed alternativo che lasci memoria di questo Natale 2009. E perché no? Magari nel carrello della spesa anche I Cunti della nonna di Nicola Giuseppe De Donno.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!