Adelchi. Gli operai bloccano la 275

GUARDA IL VIDEO. L’azienda ha comunicato di non poter rispettare l’accordo che avrebbe dovuto far rientrare entro oggi 30 lavoratori. Scoppia la rabbia degli operai che stamattina hanno bloccato la Lecce-Maglie

di Annalisa Nesca

Gli operai del calzaturificio Adelchi hanno organizzato questa mattina un blocco della strada statale 275 all’altezza dell’incrocio semaforico della zona industriale di Surano. Pochi lavoratori sono riusciti a creare non pochi disagi agli automobilisti che transitavano su quel tratto. Tempestivo è stato l’intervento della polizia di Taurisano e dei carabinieri della compagnia di Maglie che hanno provveduto a rallentare e deviare il traffico lungo arterie secondarie. Il blocco è stato organizzato per rispondere al documento inviato lo scorso venerdì dal gruppo calzaturiero attraverso il quale si comunicava l’impossibilità di rispettare l’accordo siglato in Confindustria lo scorso 26 ottobre che avrebbe dovuto far rientrare entro oggi 30 lavoratori che dovevano far ripartire la produzione di calzature, adducendo la difficoltà di accesso al credito per acquistare materie prime e accessori. Così facendo l’azienda ha dimostrato di non avere alcuna intenzione di riprendere l’attività nel calzaturificio di Tricase scatenando la rabbia dei lavoratori giunta ancora una volta a forme di protesta estreme. E già si preannuncia una manifestazione davanti alle sedi di Prefettura e Provincia a Lecce per venerdì prossimo, giorno in cui dovrebbe tenersi anche un incontro con la deputazione salentina per affrontare un problema che non trova risoluzione.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!