Idee Insieme: “Riqualifichiamo i giardini Ingrosso”

Un gioco, un sorriso”, il progetto dell’associazione casaranese, ha l’obiettivo di sanare lo stato di degrado della zona dei giochi per bambini che si trova all’interno del parco comunale

Un gioco, un sorriso”. Si chiama così l’iniziativa di cui l’associazione “Idee Insieme” si è fatta promotrice presso l’amministrazione comunale per trovare una soluzione alla situazione di degrado dei giardini “William Ingrosso” e degli altri spazi pubblici per bambini. Il progetto ha l’obiettivo di sanare, in primis, lo stato di degrado della zona dei giochi per bambini che si trova all’interno del parco comunale e che da diversi anni, nonostante la diffusa richiesta di tanti cittadini, non viene sistemata. L’idea dell’associazione, viste le difficoltà finanziarie del Comune, è quella di coinvolgere in particolare la parte produttiva della città. Il progetto intende perseguire un obiettivo unico: “garantire a tutti i bambini, e ai loro nonni e genitori, lo spazio a loro dedicato e costituito dai vari ‘Parchetti Gioco’ distribuiti nelle varie zone della città”. L'iniziativa dovrebbe partire con un primo intervento sullo spazio-giochi dei giardini “Ingrosso”. L'associazione, conscia dell'attuale situazione finanziaria in cui versa il Comune, intende coinvolgere l'Ente “esclusivamente – si legge in una nota – per l'aspetto logistico e di concertazione tra gli uffici comunali, gli assessorati competenti e le professionalità interne all'associazione. L'idea è quella, piuttosto – spiega la nota – di coinvolgere imprese, artigiani, commercianti e quanti coloro (sotto forma di sponsor o di personale contributo) vorranno contribuire a donare un sorriso ad ogni bambino che potrà usufruire dei giochi così rimessi a nuovo o di nuovo impianto. L'associazione è convinta che tale iniziativa non resterà isolata e troverà senz'altro l'approvazione dell'attuale amministrazione comunale e degli stessi concittadini dai quali, tra l'altro, sono già pervenute note di entusiasmo per l'iniziativa. L'associazione – conclude la nota – è convinta che tale iniziativa non resterà isolata e troverà senz'altro l'approvazione dell'attuale Amministrazione comunale e degli stessi concittadini dai quali, tra l'altro, sono già pervenute note di entusiasmo per l'iniziativa”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!