Un Centro di sostegno alle famiglie

Sabato scroso l'inaugurazione. Voluto dall’assessorato alle Politiche sociali e Pari opportunità della Provincia di Lecce, si propone di studiare e dare risposte ai bisogni delle famiglie

Si trova a Lecce, in piazzetta Duca D’Enghien, presso la sede della Fondazione di partecipazione “Francesca Massa” onlus (ex Ipab). E’ il Centro risorse per la famiglia che la Provincia di Lecce – assessorato alle Politiche Sociali e Pari Opportunità – ha inaugurato sabato scorso. Si colloca in una storica cornice strutturale dove, per decenni, hanno operato servizi che si sono occupati dei bisogni e delle tematiche delle famiglie: l’ex asilo infantile “Francesca Massa”, il consultorio cattolico “La Famiglia” e il Cav, centro anti-violenza. “Il Centro, con l’afferente Ufficio di mediazione civile e penale – ha spiegato Filomena D’Antini Solero – assessora provinciale alle Politiche sociali e Pari opportunità – è dotato di un’equipe stabile multiprofessionale specializzata, costituita da un coordinatore esperto in politiche per la famiglia e sistemi integrati di welfare, nella persona dell’avvocato Alessandro Nocco, da cinque mediatori familiari e da due assistenti sociali che accoglieranno le famiglie e quanti usufruiranno dei servizi, nel pieno rispetto della privacy, in locali adeguatamente ristrutturati e dotati di arredi e attrezzature all’avanguardia. Agli operatori preposti, inoltre, sarà assicurata costante azione di formazione ed aggiornamento in itinere. Correlato con l’area responsabilità familiari dell’Osservatorio provinciale delle Politiche sociali – ha concluso D’Antini – il Centro assurge a topos peculiare di osservazione, lettura ed analisi della famiglia, dei suoi bisogni e delle sue dinamiche evolutive e si propone di dare risposte, con strategie diversificate rispetto ai bisogni emergenti”. Il neonato Centro offrirà alle famiglie spazi d'incontro, ma anche risposte personalizzate in occasioni particolari: famiglie giovani di fronte alla nascita del primo figlio; famiglie con figli nelle varie età della crescita; famiglie con bambini che presentano situazioni di disagio; famiglie in crisi o separate; famiglie di fatto; famiglie ricomposte, monogenitoriali, con disabili e anziani non autosufficienti; famiglie immigrate.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!