Delle Donne alla guida di Ance

Prende il posto che è stato di Sergio Goffredo. “Il mio primo impegno da presidente – dice – è rendere l’associazione ancora più rappresentativa”

Nicola Delle Donne è il nuovo presidente della Sezione Ance di Confindustria Lecce. Nella mattinata di sabato, l’assemblea lo ha eletto per il prossimo triennio all’unanimità. Sposato, due figli, Nicola Delle Donne è imprenditore edile di seconda generazione ed è impegnato anche nei settori dell’energia rinnovabile e delle telecomunicazioni. “Sono emozionato ed orgoglioso per la fiducia accordatami – ha detto dopo l’elezione – ma, al contempo, sono consapevole di raccogliere un’eredità importante, sia perché chi mi passa il testimone, l’architetto Sergio Goffredo, ha saputo guidare Ance Lecce con accortezza e grande senso di responsabilità, sia perché l’Associazione ha raggiunto risultati notevoli sul versante del rapporto con le istituzioni, con i sindacati, con le imprese e con i diversi livelli associativi. Il mio obiettivo – ha continuato il neopresidente – è quello di continuare nella scia di quanto fatto finora, cercando di cogliere tutte le opportunità che la ripresa economica riserverà al comparto edile. Il piano casa, il Pug, le infrastrutture, il monitoraggio degli appalti, così come la formazione e la sicurezza rappresentano tutti fronti sui quali mi confronterò con i colleghi per portare all’esterno la posizione forte e condivisa di Ance Lecce. Il mio primo impegno da presidente – ha concluso – sarà rendere Ance Lecce ancora più rappresentativa, grazie ad un’azione capillare di sviluppo associativo, che renda la nostra voce sempre più autorevole”. Nella stessa seduta sono stati eletti Daniele Ingrosso quale vicepresidente di Ance Lecce e Carlo Garrisi, tesoriere. Comporranno il Consiglio di Sezione Mino Centonze, Vincenzo De Bellis, Mauro De Vitis, Antonio Mengoli, Michele Morelli, Cinzia Ricchiuto, Antonio Riezzo, Emanuele Rizzo, Antonio Stefanelli ed Osvaldo Troso.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!