I Ros in Provincia

Hanno sequestrato atti relativi all'assessorato ai Lavori pubblici. Indagano per abuso d'ufficio e contro persona nota, non specificata. Potrebbe trattarsi di Flavio Fasano, assessore proviciale fino ad otto mesi fa, o di Massimo Como che ne ha preso il posto

I carabinieri del Ros sono stati ieri a Palazzo dei Celestini ed hanno portato via gli atti della gara d’appalto per la gestione della pubblicità stradale e del progetto per il nuovo istituto nautico di Gallipoli. Il decreto di sequestro cui hanno dato attuazione era firmato da Elsa Valeria Mignone, pubblico ministero della Direzione Distrettuale antimafia. Si indaga per abuso di ufficio e contro persona nota, non meglio specificata. La nuova inchiesta potrebbe essere scaturita da un’altra maxi inchiesta, quella sull’omicidio di Salvatore Padovano, boss della Scu, ordinato dal fratello Rosario, reo confesso, e sui rapporti di questi con Flavio Fasano, ex sindaco di Gallipoli ed assessore provinciale ai Lavori pubblici fino ad otto mesi fa. La “persona nota” al centro dell’indagine del pm Mignone potrebbe essere dunque proprio Fasano; la sua avvocata, Francesca Conte, oggi chiederà ufficialmente in Procura di sapere se sotto la lente degli inquirenti ci sia nuovamente il suo assistito. Oppure potrebbe essere Massimo Como, colui che di Fasano ha preso il posto in seguito al rinnovamento della Giunta provinciale. Como si dice tranquillo ed assicura che non ci sia a di illecito che possa riguardare la sua gestione dell’assessorato. Anche Fasano pare non essere turbato dalle ultime azioni dei carabinieri: “Non ho a da temere – ha detto –, convinto della trasparenza che ho impresso al mio mandato”. Una faccenda dai risvolti tutti da approfondire; potrebbe infatti anche verificarsi che le perquisizioni in Provincia costruiscano l’avvio di una serie di accertamenti che a abbiano a che fare con la mafia ed i fatti di sangue che hanno interessato Gallipoli negli ultimi tempi. Le indagini sull’omicidio Padovano potrebbero essere state solo il punto di partenza per una nuova inchiesta.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!