Canzone per chi?

La saudade italiana esportata e rivisitata

Quando un amore finisce, chi soffre non ha voglia di sentirsi dire che passerà, che altri ne verranno, come invece insistono a dire i papà ai figli quindicenni. Sergio Endrigo, nell’anno di tutte le ribellioni, cantò e vinse a Sanremo con una canzone dalla parte dei quindicenni. Chissà se finirà, se la mia mano afferrerà un nuovo sogno, se a un’altra ripeterò le stesse cose che dicevo a te. Intanto lasciatemi cantare le ultime parole famose (da cui si deduce che a lasciarlo è stata lei): la solitudine che tu mi hai regalato io la coltivo come un fiore. “Canzone per te” è così struggente che Amalia Rodrigues ne trasse un fado con chitarre portoghesi, trilli e tutto. Roberto Carlos, che nel ’68 aveva trionfato con Endrigo sul palco di Sanremo, qualche anno dopo si era già fatto crescere i capelli e, mescolando énnui, malizia e romanticismo mandrillo da marpione di Copacabana, era passato dalla parte dei papà: perché fingere che sarà l’ultima? Sicuramente ne verrà un’altra, e anche tu incontrerai un altro e ripeteremo parole già dette allo stesso chiaro di luna. Piccola nota lessicale: è forse la prima occorrenza della parola “storia” come sinonimo di flirt.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!