Salvati delegata Asfor

Già componente del direttivo di Asfor, Elisabetta Salvati, presidente di Aforisma, è stata nominata delegata alla Formazione manageriale nel Mezzogiorno

Elisabetta Salvati, presidente Aforisma, scuola di formazione manageriale di Lecce, impresa associata a Confindustria Lecce, è stata nominata delegata allo “Sviluppo della Formazione Manageriale nel Mezzogiorno”, nel corso del consiglio direttivo di Asfor, Associazione italiana per la formazione manageriale, dello scorso 26 ottobre che si è tenuto presso l’istituto Tagliacarne di Roma. Elisabetta Salvati è già componente del direttivo Asfor, presieduto da Luigi Pieraccioni, (Istituto Tagliacarne Fondazione Unioncamere) e che tra gli altri componenti annovera Elio Borgonovi (SDA Bocconi), Vladimir Nanut (MIB School of Management di Trieste), Andrea Sianesi (MIP Politecnico di Milano). “Si tratta di un vero e proprio attestato di stima – ha commentato Salvati nel ricevere la notizia -; sono davvero soddisfatta ed onorata, al contempo, per questo riconoscimento, che premia anni di impegno per l’eccellenza della formazione manageriale”. “La nomina di Elisabetta Salvati, già delegata alla Formazione di Confindustria Lecce – ha affermato Piero Montinari, presidente di Confindustria – è motivo di orgoglio per l’associazione tutta, poiché riconosce ad un’impresa del territorio un ruolo di responsabilità e di leadership per lo sviluppo della cultura manageriale per tutto il sud d’Italia”. Asfor associa, infatti, le più importanti e qualificate Business School e Corporate University Italiane ed ha l’obiettivo di sviluppare la cultura del management in Italia e di qualificare l'offerta di formazione manageriale, attraverso lo sviluppo del prestigioso processo di accreditamento dei master.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!