Emergenza rifiuti rientrata. Gianfreda: “Sistemiamo le strade”

Aurelio Gianfreda, consigliere regionale, chiederà lavori di adeguamento viario per Cavallino e Poggiardo e che gli autocompattatori non attraversino il centro abitato dei due Comuni

Mentre va lentamente scemando l’ultima emergenza che ha messo in luce per l’ennesima volta tutte le manchevolezze sul fronte rifiuti un po’ in tutta la filiera del bacino Ato Lecce/2, con i noti ritardi cronici nella realizzazione degli impianti (nuovo biostabilizzazione Cogeam e quasi tutti i vari ecocentri) e nella predisposizione della discarica di servizio-soccorso di Corigliano d’Otranto, a Poggiardo si discute su come rendere salvabile e vivibile la rete di strutture esistenti. Per non parlare dello storico rischio inquinamento da percolato nelle campagne del paese, fuoriuscente dai camion del gestore unico che ogni giorno si mettono in coda al casello “Sud Gas”, e su cui è stata inoltrata nei giorni scorsi una denuncia a firma di Maria Leone, comandante della polizia municipale poggiardese. A tal proposito Aurelio Gianfreda, consigliere regionale, schierandosi dalla parte dell’amministrazione di Cavallino, ha annunciato che chiederà lavori di adeguamento viario pure per Poggiardo e presenterà una richiesta all’assessore regionale all’ambiente, Onofrio Introna, per impedire che gli autocompattatori attraversino il centro abitato attraverso la sistemazione della circonvallazione esistente e la realizzazione della circonvallazione ovest con la messa in sicurezza delle strade di accesso all’impianto di biostabilizzazione. “Alla luce del braccio di ferro tra Cavallino e la Regione Puglia – ha dichiarato Gianfreda – ritengo che anche il Comune di Poggiardo debba aspirare ad evitare il quotidiano attraversamento del proprio centro urbano da parte di numerosi autocompattatori, con la conseguente perdita di percolato e i rischi di natura igienico-sanitaria che ciò comporta. A breve, pertanto, inoltrerò all’assessore Introna una richiesta di intervento della Regione Puglia relativa all’assetto viario di Poggiardo, mediante l’adeguamento della Maglie-Castro, la realizzazione della circonvallazione ovest e, infine, la messa in sicurezza delle strade che portano all’attuale stabilizzatore Sud Gas”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!