Ufo a Casarano? Interviene il Cun

Il Centro Ufologico Nazionale nei prossimi giorni incontrerà la ragazza che dice di aver visto un Ufo in contrada Pietra bianca a Casarano

Sul presunto avvistamento di un oggetto volante non identificato in contrada “Pietra Bianca” c’è da registrare l’interessamento dell’Ufologia ufficiale. Mauro Panzera, coordinatore regionale del Centro Ufologico Nazionale (Cun), ha contattato la famiglia della ragazza che la sera del 7 ottobre scorso ha avvistato il presunto ufo. Nei prossimi giorni, un esperto ufologo del Cun incontrerà la ragazza per intervistarla e per cercare di capire se effettivamente si è trattato di un contatto con esseri non terrestri. Intanto, dopo l’articolo pubblicato nei giorni scorsi, cominciano ad affiorare altre testimonianze sui fenomeni di quel periodo. Un commento alla notizia dell’avvistamento di “Pietra Bianca”, pubblicata sul nostro sito internet, conferma che l’8 ottobre, la sera successiva quindi, strani fenomeni continuavano a solcare il cielo di Casarano. “Gentile redazione, scrivo questa mail dopo aver appreso la notizia della ragazzina 14enne che ha avvistato un ufo – scrive l’anonimo – posso confermare che la sera dopo l’accaduto, nella zona industriale di Casarano, alle ore 20.00, anche io insieme ad un gruppo di cinque persone abbiamo avvistato una luce molto forte di un colore indefinito tra il verde ed il blu, di forma circolare, che è scomparsa nel a dopo una ventina di secondi”. La quattordicenne di contrada “Pietra Bianca” aveva descritto un “incontro ravvicinato del terzo tipo” avvenuto verso le 22 davanti alla propria casa. Per una manciata di secondi, aveva visto un oggetto “di forma circolare, accompagnato da un rumore terribile che emanava fasci di luce verde, tanto che la nostra auto, che è rossa, era diventata di colore verde”. Il responsabile dell’osservatorio astronomico “S. Lorenzo”, Giuseppe De Filippi, ha dato una versione “razionale” al fenomeno del 7 ottobre. Si sarebbe trattato di una scia di residui di comete che gli astrofili definiscono “bolidi”. Il “bolide” che quella sera ha solcato il cielo di Casarano aveva una scia molto luminosa di colore bianco-verde.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!