Turismo e sviluppo in Puglia. Legge adeguata?

GUARDA IL VIDEO. Si è tenuto stamattina a Castro un convegno sullo sviluppo turistico del territorio. Rosario Giorgio Costa: “Agevoliamo gli investimenti degli imprenditori”

La nuova legge regionale sul turismo attualmente in discussione sarà adeguata ad uno sviluppo compatibile con il territorio? E’ questa la domanda di fondo del convegno regionale che ha avuto luogo stamattina nel Castello di Castro e che recava proprio quel titolo. L’incontro, organizzato dall’Ordine provinciale dei commercialisti (presidente Rosario Giorgio Costa) ha messo a confronto sulla nuova proposta regionale in tema di turismo diversi esperti del settore turistico. Il disegno di legge sul comparto turistico è attualmente in fase discussione in Regione; la Commissione dell’Ordine dei commercialisti di Lecce l’ha analizzata nei giorni scorsi, soffermandosi sul tipo di sviluppo turistico immaginato per il territorio, sulle sue opportunità, sui requisiti necessari alle imprese del comparto e sul ruolo di interlocuzione dei commercialisti con le imprese, gli enti locali e gli operatori turistici. “E’ necessario – ha dichiarato Costa – assecondare, anche tramite una semplificazione normativa, la volontà di coloro che decidono di diventare imprenditori turistici, perché è da loro che passa lo sviluppo del territorio”. Costa ha ribadito la necessità di programmare in maniera ancora più particolareggiata lo sviluppo turistico pianificando interventi che possano fornire nuovo impulso ad ogni settore turistico”. All’incontro ha preso parte anche Luigi Carrozzo, sindaco di Castro, il quale ha ribadito la centralità del turismo per l’economia salentina. In allegato il testo integrale del disegno di legge n.7/2009 del 24 marzo 2009 “Nuova disciplina dell’organizzazione turistica regionale. Norme riguardanti le attività di settore ed in materia di programmazione, promozione e sviluppo del sistema di offerta turistica”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!