L’arte vista da un musicista

Intervista a Giordano Pariti, flautista dell’Orchestra “Ico” Tito Schipa. Ed anche artista. In mostra alla galleria “Rivaartecontemporanea” di Lecce

di Daria Ricci “Guardare nel profondo delle cose”, abbracciare l’arte con lo sguardo del musicista. Le note lo accompagnano a creare. Giordano Pariti, flautista dell’Orchestra “Ico” Tito Schipa di Lecce, è anche artista. Una sua mostra è in corso alla Galleria “Rivaartecontemporanea” di Lecce. Che cosa significa per te l'arte? “E’ una delle tante possibilità per riflettere e vivere il proprio tempo; per me è assolutamente una necessità, un vizio del pensiero che elabora e crea la mia personale visione del mondo”. C’è un legame tra arte e musica? “E’ il filo che lega un suono ad una visione, un colore ad una melodia, la dimensione astratta e concettuale della musica è molto presente nell’arte dei nostri giorni”. Quando nasce la tua passione per l'arte e quando quella per la musica? “Potrei dire che sono nate insieme, soltanto che la musica è diventata subito studio (con l’ingresso al conservatorio all’età di undici anni) mentre l’arte è rimasta una passione che ho coltivato in parallelo ma senza istruzione accademica”. Arte e musica si possono dunque coniugare. “Certamente. Non penso che l’arte sia una disciplina a compartimenti stagni; si sceglie il medium che ti rappresenta di più e con cui ti esprimi meglio ma le interconnessioni sono assolutamente possibili e direi necessarie”. Dopo l'esperienza dell’installazione al Politeama hai altri progetti artistici in mente? “Progettualmente sono sempre in attività; penso, scrivo, fotografo e attendo l’occasione giusta per realizzare i miei progetti”. Come si possono avvicinare i giovani alla musica visto che all'arte forse sono più sensibili? “Facendoli partecipare ai concerti dal vivo; attraverso l’esperienza con l’orchestra ho notato che l’interesse dei ragazzi verso la musica nasce anche dalla curiosità verso un determinato strumento. Il coinvolgimento personale (anche semplicemente un concerto al teatro) è fondamentale per un approccio più autentico con la musica”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!