Un Piano per il Pispico di Poggiardo

Sale operatorie più moderne e nuove attrezzature. Guido Scoditti, direttore generale della Asl di Lecce, ha approvato tre delibere che rilanciano la struttura ospedaliera

Cambiamenti in vista per l’ospedale “Pispico” di Poggiardo. In appena un mese Guido Scoditti, direttore generale della Asl di Lecce, ha approvato tre delibere che danno il via al rilancio della struttura. Ad annunciarlo è il consigliere regionale Aurelio Gianfreda (Socialisti autonomisti) che nel ringraziare i direttori generale e sanitario della Asl, sottolinea che questi provvedimenti “approvati con celerità e puntualità in seguito agli impegni assunti dal direttore generale nell’incontro avuto con me e con il sindaco e il vice sindaco di Poggiardo, rappresentano l’inizio del rilancio del presidio ospedaliero”. La delibera più recente è del 5 ottobre (la numero 3.201) e prevede il completamento e l’adeguamento a norma di arredi e attrezzature dell’ospedale di Poggiardo per un importo di 2 milioni 290mila euro, di cui un milione 650mila per eseguire lavori, 300mila in attrezzature ed apparecchiature. Il progetto dovrà essere appaltato entro l’8 gennaio 2010, pena la perdita del finanziamento, che è stato inserito nel Servizio sanitario regionale. La prima delibera, la numero 2.992, è invece dell’11 settembre e prevede la messa in sicurezza del prospetto principale del nosocomio per un importo di 80mila euro, provenienti dalle disponibilità dell’Asl. L’altro atto è del 22 settembre; con esso è stata approvata la variante dei lavori di ristrutturazione e messa a norma delle sale operatorie con un maggiore importo di 67.162,33 euro. “Ringrazio l’assessore regionale alla Sanità, Tommaso Fiore, ed i direttori generale e sanitario dell’Asl – ha affermato Gianfreda – perché hanno mantenuto in così breve tempo gli impegni presi. Il mio auspicio è che altre ed importanti decisioni siano assunte in futuro per l’ospedale di Poggiardo, anche quelle necessarie per evitare disagi agli utenti del laboratorio analisi”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!