Artéteka. Ha inizio la Stagione Sinfonica

Ivan Fedele darà avvio, questa sera, alla stagione sinfonica organizzata dalla Fondazione Ico “Tito Schipa” presso il Politemama Greco di Lecce

di Daria Ricci Sarà l’opera inedita del compositore di origine leccese Ivan Fedele, “Artéteka”, “un omaggio alla mia terra” come ha sottolineato lo stesso autore, a inaugurare la stagione autunnale dell’Orchestra Sinfonica della Fondazione Ico “Tito Schipa”, che si apre questa sera al Politeama Greco di Lecce. Un cartellone ricco e interessante alla cui realizzazione, oltre alle istituzioni, hanno partecipato sponsor privati, che credono nella cultura, che investono nella cultura, che guardano al mondo culturale come a quella realtà volano di sviluppo economico e sociale. Stiamo parlando della Banca Popolare Pugliese, dell’“Alba Service”, della “Technical Sponsor”, della “Merico pianoforti”, della “Rosato Traslochi” e della “Liberato Chiffi”. La stagione inizierà con il ritorno dell’artista salentino Ivan Fedele, un nome di prestigio nel panorama internazionale della musica. Direttore Marcello Panni, al piano David Kadouch. Si inaugurerà con una composizione del maestro Fedele “Artetecka”, prima esecuzione assoluta, commissione della Fondazione Ico Tito Schipa. Di Mendelsshn-Bartholdy, ‘Concerto per pianoforte e orchestra n. 2 in re min. op. 40, di Igor Stravinskij “L’uccello di fuoco, Suite del balletto”. “Artèteka” (Folkdance 1), opera per orchestra, si richiama alla parola che in dialetto salentino significa irrequietezza. Il pezzo si snoda in un movimento di danza tipico della nostra pizzica e, come ha sottolineato lo stesso maestro affermando “lo dovevo alla mia terra, è l’amore per il mio Salento”, è la prima opera d’una serie d’ispirazione etnica dedicata alle culture musicali europee meno conosciute.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!