Imprenditore salentino per l’Abruzzo

Portare nel Comune di Rocca di Mezzo container per ricavare uno spazio asilo e un luogo d’incontro per i bambini. E’ l’iniziativa esposta al ministro Frattini da Fernando Catalano, presidente dell’Assoii-Suisse

Un salentino, titolare di un’associazione di imprenditori, ricevuto dal ministro degli esteri Franco Frattini per restituire il sorriso a 200 bambini del Comune abruzzese di Rocca di Mezzo, colpito dal sisma del 6 aprile scorso, con la costruzione di un asilo e altre strutture. Protagonista dell’ambizioso progetto è Fernando Catalano, originario di Giurdignano, presidente dell’Assoii-Suisse (associazione degli imprenditori italiani in Svizzera), che nei giorni scorsi si è presentato alla Farnesina, affiancato dai delegati Massimo Miccoli ed Antonio Iacovazzo, per illustrare a Frattini i progetti dell’associazione di cui è titolare, esposti in precedenza agli amministratori di Rocca di Mezzo, durante una visita alla cittadina tramortita dal violento terremoto. L’intento è quello di portare diversi container per ricavare uno spazio asilo e un luogo d’incontro, dove i bimbi potranno continuare a giocare e sorridere. Il ministro Frattini ha mostrato particolare sensibilità ed ha assicurato di contribuire al progetto fornendo, tramite le Ferrovie dello Stato (e Mauro Moretti, amministratore delegato), un notevole aiuto riferito al trasporto dei container speciali sul territorio italiano. Alla fine dell’incontro romano, durato più di un’ora il presidente Fernando Catalano ha consegnato una tessera ad honorem al ministro con l’“arrivederci” a Rocca di Mezzo, a montaggio dei container completato.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!