Un Salento a rischio usura

Antonio Buccoliero, consigliere della Regione Puglia, chiede che sorga anche a Lecce una fondazione di ascolto e sostegno per chi vive il problema dell'usura

“Mi farò portavoce, presso D'Ambrosio, arcivescovo di Lecce, perché sorga anche nel capoluogo salentino, sulla scia della fondazione antiusura San Nicola e Santi Medici di Bari, una fondazione di ascolto e sostegno dei cittadini che sono incappati o rischiano di incappare nella trappola usura”. È quanto dichiara Antonio Buccoliero, consigliere della Regione Puglia, che esprime una comprensibile preoccupazione per il dilagare del fenomeno usura. “Dalla mia esperienza quotidiana di ascolto – prosegue Buccoliero – vengo a conoscenza di tante situazioni giunte al limite della sopportazione, perché strette dalla morsa dei debiti e dall'impossibilità concreta di fronteggiarle”. Situazioni quelle cui accenna il consigliere, che sfociano, quasi con naturalezza, nell'usura. Inizialmente, si ritiene di poter fronteggiare gli interessi ‘a strozzo’, ma basta poco per comprendere come si sia intrapresa una strada senza sbocchi. Ciò che più allarma, è che questo fenomeno oggi non riguarda più, in maniera esclusiva, i commercianti o quanti si trovano alle prese con la gestione di un'impresa, ma tocca in maniera sempre più frequente anche le famiglie, che si rivolgono allo strozzino per riuscire a fronteggiare le spese familiari quotidiane o extra, dal mutuo della casa alla visita specialistica, all'istruzione dei figli. Se i componenti di un nucleo familiare devono sopportare anche la disoccupazione o un lavoro precario, si comprende come l'usura sia un fenomeno in continua crescita, che l'attuale recessione economica sostiene e rimpingua: la propensione all'usura agli inizi del 2009, infatti, secondo i dati ufficiali dell'associazione dei contribuenti, è cresciuta del 25,7%. Continua Buccoliero: “È importante, dunque, che si faccia fronte comune per sostenere non solo i casi conclamati di usura, ma anche per informare e proteggere le potenziali vittime. In questo senso, da diversi anni, la fondazione antiusura San Nicola e Santi Medici di Bari, presieduta da Alberto D'Urso, porta avanti una triplice attività di prevenzione, ascolto e intervento antiusura, reperendo anche i fondi necessari per sostenere concretamente le vittime e aiutarle ad uscire dall'inferno in cui sono precipitate. Ritengo che un'attività di questo genere anche a Lecce potrebbe rappresentare un valido strumento per affrontare, con competenza ed efficienza, questo allarme sociale, sostenendo l'attività delle Forze dell'ordine e del Governo”. “Nei prossimi giorni – conclude Buccoliero – mi recherò personalmente da Domenico D'Ambrosio per sottoporre alla sua attenzione il progetto di nascita, nella nostra città, di una fondazione d'ispirazione pastorale capace di affrontare con le armi dell'ascolto, della solidarietà, del sostegno psicologico e materiale e dell'informazione capillare, rivolta anche alle banche, la perniciosa piaga dell'usura”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!