In fiamme anche l'auto del parroco

Presa di mira la scorsa notte l'auto di don Antonio Montinaro, parroco della chiesa di Santa Maria delle Grazie nel quartiere Santa Rosa a Lecce. Il fatto è accaduto a San Pietro Vernotico

Indagini in corso sul misterioso attentato incendiario che, la scorsa notte, ha distrutto l’auto di don Antonio Montinaro, 55 anni, parroco della chiesa di Santa Maria delle Grazie, nel quartiere Santa Rosa a Lecce. L’attentato, verificatosi intorno all’una di notte a San Pietro Vernotico, dove il parroco risiede regolarmente, ha completamente avvolto nelle fiamme la nuova Volkswagen Golf del sacerdote; per i vigili del fuoco è stato impossibile riuscire a domare in tempo l’incendio e salvare l’autovettura. Il parroco, che trascorre stabilmente la notte nel Comune del Brindisino, ha ammesso agli investigatori di non saper spiegare i motivi dell’attentato e di non aver mai ricevuto minacce di alcun tipo. Montinaro è, tuttavia, un personaggio simbolo a San Pietro Vernotico; è stato in prima linea negli anni in cui il Comune era in mano alla criminalità organizzata ed è stato un punto di riferimento per tanti giovani impegnati nell’associazionismo e nel volontariato. I carabinieri non escludono alcuna pista, neppure che l’accaduto si possa archiviare come il gesto di balordi in cerca di insano divertimento.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!