Gallipoli penalizzato. Meno un punto

La commissione disciplinare della Federcalcio ha penalizzato il club per violazioni amministrative riscontrate dalla Covisoc

La Covisoc, organo di controllo sui bilanci, circa un mese fa aveva riscontrato violazioni amministrative a carico del club salentino. Le inadempienze riguardano non la gestione attuale, ma quella di Vincenzo Barba, che, in qualità di allora amministratore unico del club, fino al campionato scorso di Lega Pro, è stato inibito per sei mesi. Meno un punto in classifica quindi. Da sette, la squadra di Giannini scende dunque a sei punti. Ma intanto, la società ha già inoltrato l’appello. “Con riferimento al provvedimento della Lega calcio con il quale ci viene comunicata la penalizzazione di un punto per vicende di carattere amministrativo che a hanno a che vedere con la nostra gestione, ma che ricadono nella responsabilità di chi prima di noi ha guidato le sorti del Gallipoli calcio – scrive il gruppo, in un comunicato a firma di D’Odorico -, sono a comunicare, con la presente nota, che ho gia dato mandato ai legali della Società, di formulare motivato appello a tale provvedimento, per richiedere la tramutazione della penalizzazione in un’ammenda pecuniaria di cui saremmo ben lieti di farci carico pur di non perdere ciò che faticosamente la squadra ha conquistato sul campo”. “Devo, tra l’altro, rivolgere i miei complimenti della staff legale della società – dice ancora D’Odorico-, guidato dall’avvocato Nicola Luisi, che è riuscito, con grande impegno, a contenere in un solo punto di penalizzazione alcune vecchie carenze gestionali. Sono certo che con perizia e professionalità riusciremo ad ottenere quanto ci viene tolto, a testimonianza della serietà e dell’impegno che stiamo profondendo nel nostro progetto”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!