SIFF premia “Rigged”

Anteprima Europea. Il film del giovane regista americano Jonathan Dillon ritrae il mondo squallido e pericoloso della boxe illegale

Il miglior film della 6° edizione del Salento International Film Festival è RIGGED (Truccato), presentato in anteprima europea. Premiato il modo in cui Jonathan Dillon è riuscito a visualizzare in maniera chiara e reale il mondo nascosto e buio della Boxe illegale, riuscendo pur con un budget limitato e giovani attori esordienti ad estrarre il meglio dei suoi personaggi in modo particolare da Michael Dublin e Katherine Parkerentrambi in lotta con i propri demoni. Le sequenze finali dell'incontro di boxe hanno un ritmo e drammaticità che traducono le emozioni desaturate di un mondo monocromatico in eguali immagini. Premio Speciale “UPCOMING DIRECTOR” va invece a Flavio Kampah per il film presentato in anteprima mondiale “FELINO”. Il film ripercorre le vicende del delitto di Felino a Parma accaduto nel 2006. Flavio Kampahè riuscito a unire in questo film un fatto di cronaca nera ceramente accaduto ad un mix di emozioni forti con immagini che creano la giusta dose di ansia, rabbia ma anche speranza per un futuro privo di violenza che possa premiare i veri sentimenti della gente comune. La grande esperienza internazionale di Kampah nel campo della grafica gli consente di aggiungere un doppia vita alle immagini stesse come un ombra che segue e si sovappone ai personaggi tutti alla ricerca di un mondo dal quale si sentono abbondonati ma il quale rifiutano ogni tentativo di farne parte. Un esordio alla regia che ci lascia una luminosa speranza affinchè questo talento possa svilupparsi in tutta la sua grandezza. L'opera di Kampah offre uno spaccato realistico delle giornate di alcuni giovani benestanti di provincia, che sprecano la vita tra alcol, droghe, sesso e videogiochi, annoiati, senza stimoli e valori, figli di una realtà spesso vuota e superficiale.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!