D'Odorico rapinato in casa

L'hanno agredito nella sua villa e poi chiuso in una stanza, fuggendo via con un bottino di circa 10mila euro. A farne le spese Daniele D'Odorico, presidente del Gallipoli calcio

L’hanno atteso nella sua villa di Moruzzo (Udine); poi l’hanno chiuso in una stanza attigua al parcheggio e l’hanno rapinato. E’ la disavventura capitata giovedì scorso a Daniele D’Odorico, il presidente del Gallipoli calcio. Una disavventura costata cara in termini economici (pare che il bottino ammontasse a circa 10mila euro, ma alcuni giornali friulani hanno riferito di quasi mezzo milione di euro) ma che fortunatamente non ha avuto conseguenze peggiori. Le forze dell’ordine mantengono il più stretto riserbo su come si siano effettivamente svolti i fatti; tuttavia pare che due individui abbiano atteso l’imprenditore nella sua abitazione e che l’abbiano obbligato ad aprire la cassaforte dove erano custoditi la collezione di orologi preziosi e vari gioielli. Ma qualcosa a quel punto dev’essere andato storto, se i malviventi hanno abbandonato il caveau per fuggire via con una valigetta ed una borsa contenente oggetti di valore che avevano trovato nell’auto di D’Odorico. Dopo che i rapinatori si sono dati alla fuga, il presidente del Gallipoli è riuscito a forzare la serratura della stanza ed a dare l’allarme.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!