Ex aequo al premio Teknè

Minervino di Lecce e Monteroni si sono aggiudicate entrambe il premio Teknè 2009

Il primo ha sottoposto al giudizio della Commissione tecnica, i lavori di valorizzazione degli itinerari megalitici intorno al dolmen Scusi, il secondo, il restauro delle sale del palazzo Baronale. A consegnare il prestigioso riconoscimento Raffaele Fitto e Antonio Gabellone. Ma la premiazione è stata soltanto il momento culminante di una serata che ha riscosso grande successo di pubblico tra l’esibizione del trio comico Ciciri & Tria, la performance canora di Francesca Romana e le evoluzioni musicali di Alessandro Coppola e Claudio Prima dei Nidi D’Arac, intervallati dai passi di danza del corpo di ballo I Campioni con coreografie di Lino Perrone. Con il patrocinio di Regione Puglia, Provincia di Lecce, Comune di Calimera, Università del Salento, Accademia di Belle Arti, Istituto di Culture Mediterranee della Provincia di Lecce, Ordine degli Architetti, Ordine degli Ingegneri, Scuola Edile e Azienda di Promozione Turistica, la manifestazione Teknè, processi di contestualizzazione dell’arte urbana, è da considerarsi un vero e proprio concorso di idee e proposte, che quest’anno, giunta alla V edizione, si è arricchita della partecipazione di ben 49 Comuni della provincia di Lecce. La serata di domenica in piazza del Sole a Calimera ha visto un nutrito parterre di ospiti istituzionali tra cui Vincenzo Barba, Cosimo Gallo, Raffaele Baldassarre, Rocco Palese e Gino Caroppo, Pasquale Gaetani, oltre a numerosi sindaci della provincia di Lecce. Nel corso dell’evento, inoltre, è stato assegnato il Premio Teknè Città di Calimera al musicista Eliseo Castrignanò per la sezione Giovani, a Giulio Giordano per la Cultura e a Assunto Coltella per la sezione Grècia Salentina.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!