Ecologico International Film Festival

La seconda edizione dell'Eiff si svolgerà a Nardò dal 16 ed al 20 settembre nella suggestiva cornice del chiostro dei Carmelitani

L’associazione culturale Contemporary Art Addiction, in collaborazione con il comune di Nardò, la Provincia di Lecce e la Regione Puglia organizza la II edizione dell’Ecologico International Film Festival, che si svolgerà a Nardò dal 16 ed al 20 settembre nella splendida cornice del chiostro dei Carmelitani. Durante la rassegna saranno proiettati 94 film nell’arco di soli cinque giorni, alla presenza di una giuria presieduta da Giuseppe Ferrara (regista) e composta da Fabio Frisenda (attore e regista), Pippo Affinito (direttore della fotografia e regista), Eleonora Pariante (regista), Massimo Causo (giornalista). L’Ecologico International Film Festival promuove la conoscenza dell’ambiente, la cultura del paesaggio ed il rispetto delle diversità territoriali e, quest’anno, in occasione della commemorazione del ventennale della scomparsa di Cesare Zavattini, dal 17 al 19 settembre, si terranno una serie d’incontri sulla figura ed il messaggio umano e artistico del grande Maestro. Il Festival si propone come strumento culturale per promuovere una tale presa di coscienza. Attraverso la programmazione di film di autori nazionali ed internazionali, il Festival avvicina il grande pubblico al cinema ambientalista proponendo opere difficilmente fruibili altrimenti attraverso i consueti canali distributivi. Avviando, così, un processo di sensibilizzazione ai temi ambientali. Il Festival ha una sezione dedicata alle Scuole, nella quale saranno proiettati i film realizzati dagli studenti delle scuole primarie e secondarie. Nell’ambito del Festival ci sarà una collettiva d’arte contemporanea intitolata URBAN INTERSECTIONS – Le architetture “sottili” a cura di Paolo Marzano che ospiterà le opere di Sandro Bellomo, Lara Bobbio, Maurizio Buttazzo, Fausto Laneve, Gabriele Perrino e Andrea Rhao.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!