Santa Cesarea. Il sindaco: “Mare pulito”

Il danneggiamento di una condotta del depuratore, peraltro già ripristinata, non ha inquinato le acque. Daniele Cretì, sindaco di Santa Cesarea, rassicura i bagnanti

Le acque cesarine sono pulite. Daniele Cretì, sindaco di Santa Cesarea Terme, smentisce le voci che parlavano di un inquinamento delle acque dovuto al danneggiamento della condotta sottomarina a servizio dell’impianto di depurazione del paese (in località “Malepasso”), causata dalle mareggiate dello scorso inverno e informa che i lavori relativi al ripristino dell’impiantistica da un paio di giorni sono stati ultimati. “Nei mesi scorsi, appena è accaduto il fatto, ho avvertito le autorità competenti, tra cui l’Acquedotto pugliese, e ho aspettato che avvenisse l’intervento di riparazione da parte della società. Intanto – spiega Cretì – ho provveduto ad emettere un’ordinanza con cui vietavo la balneazione nell’arco di 500 metri dalla struttura e mi sono messo a disposizione degli enti competenti all’analisi delle acque marine, le quali hanno verificato la salubrità del mare cesarino. Ricordo che il depuratore è un impianto all’avanguardia e quindi un eventuale fuoriuscita di liquido depurato in mare non può aver in alcun modo provocato contaminazione”. Intanto l’opposizione cittadina va all’attacco. Rocco Bleve, consigliere comunale di minoranza (Partito democratico) e coordinatore del circolo di Cerfignano, con una lettera pubblica chiede al sindaco perché non abbia ritenuto di ”dover convocare un Consiglio comunale straordinario e informare gli altri consiglieri oltre a rispondere all’interrogazione urgente sullo stato di balneabilità delle nostre acque marine avanzata dal capogruppo di minoranza di centrosinistra Walter Nutricato. Ritengo – dice Bleve – che l’amministrazione comunale a fronte di problematiche cosi importanti, in grado di mettere in ginocchio l’intero comparto turistico di Santa Cesarea Terme e non solo, avrebbe dovuto riservare la massima e dovuta attenzione. Se invece il dibattito tutto interno all’amministrazione di centro-destra distoglie l’attenzione del sindaco, da questo e da tanti altri problemi, forse è opportuno che lei, signor sindaco, valuti l’opportunità di dare la parola ai cittadini”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment