Dal canale delle Cesine una pistola

L'arma è stata ritrovata per caso da alcuni volontari in servizio antincendio. E' una scacciacani modificata

Nota un filo per antenna TV che pende nel canale Ponte de Carlo, nelle Cesine, e trova una pistola. È accaduto ieri mattina, intorno alle 12,30. Un revolver con tamburo a sei colpi con guanciali in legno. L’arma è stata presa in consegna dagli agenti della sezione volanti della polizia di Lecce. Il rinvenimento è avvenuto grazie ai volontari dei Rangers d'Italia appartenenti al nucleo operativo di Cavallino in servizio antincendio. Molto probabilmente si tratta di un modello “scacciacani” ma con modifiche alla canna atte ad aumentarne le potenzialità offensive e renderla effettivamente pericolosa. Il tamburo non aveva cartucce all’interno. La pistola, in precarie condizioni di conservazione, veniva recuperata e depositata presso gli uffici della Polizia Scientifica. Qui, si provvederà a verificare se la stessa possa essere stata utilizzata perla commissione di atti delittuosi e sarà inoltre effettuata una perizia balistica per verificarne le effettive possibilità di esplodere dei colpi. In tal caso, saranno effettuate delle ulteriori comparazioni di carattere tecnico scientifico. Ovviamente, dopo il recupero dell’arma, il personale delle volanti ha effettuato un largo giro di controllo nella zona, alla ricerca di eventuali altri oggetti che si potessero eventualmente ricollegare all’arma, ma non è stato trovato niente di particolare o di sospetto.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment