Rosso di sera

Torna a Monteroni di Lecce il piacere del buon vino con la manifestazione che promuovere le tradizioni pugliesi e la cultura del territorio salentino

Rosso di sera, rosso come il vino. L'associazione culturale Tandem! organizza il 23 agosto prossimo ore 20:00 la seconda edizione di “Rosso di Sera”. La manifestazione intende promuovere le tradizioni pugliesi e la cultura del territorio salentino, valorizzando una delle risorse tipiche. E più note. Il vino. Dopo il successo della prima edizione tra esperti del settore e partecipanti, Rosso di Sera 2009 si ripropone di veicolare la cultura del vino come prodotto in grado di rappresentare in tutto il territorio nazionale, nonché internazionale, le tradizioni, i profumi e i sapori della terra salentina. La manifestazione si svolgerà a Monteroni di Lecce, distante appena 7 km dal capoluogo, a Piazza Falconieri. Le principali aziende vinicole salentine proporranno i propri prodotti, e sarà possibile degustarli nella splendida cornice del centro storico in una serata allietata da uno spettacolo musicale. Anche quest’anno, l’Associazione si avvarrà del contributo del Consorzio per la Tutela del Salice Salentino D.O.C.. All’interno della Piazza sarà proposta, inoltre, la degustazione di altri prodotti grazie alla presenza di alcuni forni e di aziende produttrici di prodotti insaccati e caseari. Non solo: l’edizione 2009 si arricchisce di un importante momento riflessivo sul valore della produzione vinicola per il territorio salentino. L’Associazione Tandem! organizza un convegno nel quale esperti illustreranno le innovazioni, le tecniche e le prospettive di crescita del settore e dell’economia pugliese legata alla produzione vinicola, infatti, riteniamo che il turismo del vino possa essere uno dei motori della ripresa del nostro territorio che già attrae per altre e diversificate potenzialità culturali. Il vino come momento di crescita e di sviluppo di questa terra splendida e dai colori forti che restano negli occhi. Qui il vino viene visto come fondamentale e secolare momento di aggregazione: la degustazione di questi pregiatissimi prodotti arricchisce l’affetto di chi questi luoghi li scopre per la prima volta, oppure torna per l’ennesimo anno. Oppure semplicemente di chi qui vive o ja vissuto, crescendo tra questi sapori, odori e immagini. E l’indole salentina è proprio questa: condividere ed offrire qualcosa al prossimo.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!