Arte in Parabita si fa in tre

Tanta buona musica, oggi, alla rassegna d’arte e scienza di Parabita. Sul palco Locomotive percussion orchestra, Lath in jazz e Verseta

Triplo appuntamento, oggi, per la rassegna “Arte in Parabita”, il festival delle arti e delle scienze. La giornata sarà tutta dedicata alla musica con tre gruppi differenti per stile ed influenze musicali. • LOCOMOTIVE PERCUSSION ORCHESTRA special guest Mario Rosini. h 22:00 P.zza Umberto I • LATH IN JAZZ h 21:00 P.zza Anime “LATH IN JAZZ” è un gioco di parole che lega il termine inglese “Lath”, traducibile come “LU CANNIZZU” (arnese tipico della tradizione contadina del nostro Salento, ed usato anche come copertura nei lidi marini) al “Latin” che costituisce lo stile musicale prevalente del quartetto. Quartetto di musica brasiliana, dunque, molto raffinato e, allo stesso tempo, decisamente vivace, che propone gli standard delle musiche moderne ed evergreen del paese carioca, rivisitando i brani di JOBIM, VELOSO, BONFA, MENDEZ e delle nuove sonorità bossa, tipiche delle più recenti sperimentazioni musicali, con l’aggiunta di un tocco di lounge e funky. Inoltre, il quartetto ripropone brani del repertorio di musica leggera italiano ed internazionale, riarrangiati in chiave latina. Il quartetto è composto da: Antonio Durante – sax, Adriano Aamato – Batteria, Francesco Grisolia – Basso, Antonio Traldi – Pianoforte. • VERSETA h 21:00 P.tta Uffici Nascono nel 2007 cominciando da subito un’intensa attività live che originariamente parte dalla provincia di Lecce. Alla Band piace esprimere melodia e atmosfera nei propri brani sempre in bilico fra il Pop Rock e la musica cantautorale Italiana. Gli inediti dei Verseta, nascono, nella scrittura dei testi e delle melodie, dall’incontro artistico oltre che umano di Luigi Negro -voce e di Davide Donadei – tastiere e si arricchiscono degli arrangiamenti di Enrico Frisullo – chitarra, di Livio Nassisi – basso e di Luca Scrascia – batteria. I Verseta sono Finalisti del Tour Music Fest a Roma, di Sanremo Rock al People of Art di Modena, riuscendo a classificarsi nelle prime posizioni, di Music Village 2008, del Talent Festival e del “Noi talenti del Barocco”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment