Basile al vicolo di Melissano

Più di un anno fa veniva trucidato con 19 coltellate Peppino Basile, consigliere comunale ad Ugento per l'Italia dei valori. Il libro di Mastrogiovanni ne ripercorre le

La trattoria “Il vicolo”, gestita da un gruppo di ragazzi diversamene abili fa da cornice al dibattito sul “sistema” e propone un Salento “altro”

Non solo pizzica, non solo taranta. L'altra faccia del Salento, quella oscura e dai risvolti drammatici e inquietanti, quella di cui non andare fieri. In contemporanea con i colori rutilanti della Notte della Taranta, oggi 22 agosto, alle ore 21.00, presso la trattoria “Il vicolo” di Melissano, che s'affaccia su piazzetta Mercato Vecchio, nei pressi della chiesa sconsacrata di Sant'Antonio, Maria Luisa Mastrogiovanni presenterà il suo libro “Il sistema: intrecci economici all'ombra dell'omicidio di Peppino Basile”. “Il vicolo”, recentemente rilanciato dalla cooperativa sociale “IntegrAzione”, è gestito da ragazzi diversamente abili, insieme ad un cuoco professionista con un curriculum di tutto rispetto e ad un direttore di sala che vanta dalla sua la gestione di alberghi in tutta Europa. Il Tacco d'Italia, da sempre vicino al sociale, ha scelto quindi proprio “il Vicolo”, per l'iniziativa singolare e coraggiosa dei ragazzi, quale luogo ideale per illustrare e riassumere cinque anni di grandi inchieste condotte fianco a fianco con Peppino Basile, il consigliere dell'Italia dei valori assassinato barbaramente oltre un anno fa. Un modo per fa si che non si abbassi la guardia, per tener desta l'attenzione su un fatto drammatico che ha scosso l'intera comunità salentina e del quale non si conoscono esecutori e mandanti. Saranno presenti: Maria Luisa Mastrogiovanni –direttore del Tacco d'Italia, autrice del libro Giancarlo Colella, giornalista Don Stefano Rocca, parroco d Ugento Vito Rizzo, presidente del Comitato “Io Conto”. Nel corso della serata sarà proiettato un video inedito su Peppino Basile.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment