Trapani: “Stiamo lavorando bene”

Prosegue senza intoppi la preparazione fisica della Italgest Casarano dopo le prime due settimane di lavoro

Ha toccato quota tre il numero degli acquisti della formazione rosso – azzurra: dopo l’ala argentina Flavio Ferrantelli, infatti, hanno sposato il progetto dei salentini anche i centrali Djordje Stevanovic e Filiberto Kokuca. Della loro integrazione nel gruppo parla il tecnico Francesco Trapani, alla seconda stagione al timone del Casarano: “E’ prematuro esprimersi sul loro conto visti i pochi allenamenti ad oggi effettuati, ma tutti e tre, come del resto l’intera squadra, stanno lavorando molto bene: abbiamo chiaramente bisogno di tempo per trarre i primi precisi giudizi”. Dopo i primi dieci giorni di lavoro, non è difficile immaginare le sensazioni degli atleti, provati dall’attività di ritorno dalla pausa estiva, ma scalpitanti per dare inizio alla nuova stagione agonistica. Alejandro Buffa, confermato dopo la buona stagione passata, è al quarto ritiro a Casarano: “Stiamo lavorando intensamente: nella prima settimana abbiamo alternato corsa ad alcuni esercizi fisici, ora lavoriamo anche con i pesi e con il pallone”, dichiara il pivot italo – argentino, felice per la sua permanenza nel Salento: “Casarano è la mia seconda casa, mi trovo benissimo qui aldilà dei successi che abbiamo conseguito: spero di rimanerci il più a lungo possibile”. Il pivot nativo di Cordoba sarà anche la chioccia del suo giovane connazionale, Ferrantelli: “E’ un bravo ragazzo, mi piace la grinta e la costanza che mette nell’allenarsi: finora ci ha dato un’ottima impressione”. Alcuni atleti del settore giovanile come Mattia Lupo e Mauro Carbone, effettuano la preparazione pre-campionato con Fovio e compagni, dando seguito così al progetto della società, decisa a coinvolgere nelle dinamiche della prima squadra gli elementi del vivaio per guidarli in un valido percorso umano e sportivo.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment