Stella d'argento per la Calandra

La compagnia teatrale salentina è stata premiata al 13° festival nazionale di teatro amatoriale, con “Assurdo a Sud”, miglior monologo teatrale

Seconda conferma per la compagnia teatrale Calandra, nuovamente vincitrice, dopo il premio come migliore attore, a Federico Della Ducata, ritirato ad Arezzo lo scorso 30 giugno, al premio europeo di teatro popolare “Il Giogo”, con l’avvincente spettacolo “Assurdo a Sud”. E’ stato lo stesso spettacolo ad essere portato in scena al 13° festival nazionale di teatro amatoriale ad Allerona (Terni) e ad essersi aggiudicato la “Stella d’argento” come miglior monologo teatrale. Lo scorso 30 luglio la compagnia ha ridato vita all’Eccidio di Olivadi, con uno spettacolo scritto e diretto da Giuseppe Miggiano ed interpretato da Federico Della Ducata e Piero Schirinzi, tratto da: “I fatti del 21 giugno 1908” di Francesco Paparo e con la prefazione a cura di Marco Travaglio, scelto tra centinaia di lavori selezionati. Federico Della Ducata si è distinto per aver intrattenuto ed ipnotizzato per oltre un’ora il pubblico di Allerona, con un racconto non semplice di una realtà lontana ma che si è perfettamente incastonata tra le mura della piccola piazza del paesino umbro. Per l’eleganza e l’ironia, per quella gestualità e mimica che caratterizzano l’attore salentino, per la ricercata semplicità di un monologo a tu per tu con ogni singolo spettatore, catapultato agli inizi del ‘900 in quei tragici avvenimenti che colpirono il piccolo paese di Olivadi e che oggi, a pochi mesi da quel 21 aprile ‘09 e dal triste disastro abruzzese, suonano, purtroppo, più che mai familiari. Dalla settima edizione, in programma dal 26 luglio al 10 agosto 2003, è stato deciso di arricchire la manifestazione con un concorso speciale dedicato ai monologhi, cercando così di offrire altri e nuovi spazi a gruppi ed a singoli attori che spesso non hanno molte occasioni per mettere in mostra le loro qualità.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!