Riapre il bosco Marulli

Sono stati completati i lavori realizzati dall’amministrazione comunale di Poggiardo per la valorizzazione e la fruizione del bosco

I lavori sono stati realizzati nell’ambito del programma di iniziativa comunitaria Leader+, attuato dal gruppo di zzione locale del Capo di S. Maria di Leuca. Con le risorse messe a disposizione dal GAL (€ 60.000,00) e con il cofinanziamento assicurato dal Comune di Poggiardo (€ 20.000,00) sono stati realizzati lavori per rendere nuovamente fruibile questo importante sito ambientale presente sulla vecchia strada che collega i comuni di Poggiardo e Surano. All’interno del bosco sono state installate attrezzature per il percorso ginnico, con pannelli informativi sulle postazioni atletiche e pannelli didattici relativi alla flora e alla fauna. Il bosco “Marulli” è fruibile nel periodo estivo da lunedì a sabato, dalle ore 16.00 alle ore 20.00. Soddisfazione per l’evento viene espressa da Silvio Astore, per il quale “Viene restituito alla comunità un pezzo importante della storia e della tradizione, un luogo i cui molti giovani di diverse generazioni hanno trascorso ore liete e spensierate, a contatto con la natura. Ora, grazie al contributo del Programma LEADER+ attuato dal Gruppo di Azione Locale del Capo di S. Maria di Leuca, i cittadini di Poggiardo possono tornare a frequentare il Bosco Marulli e ad utilizzare questo sito anche per svolgervi attività ginniche, utilizzando le apposite attrezzature e i pannelli informativi posti lungo il percorso, oltre che per le attività didattiche, grazie ai pannelli relativi alla flora e alla fauna.” Luigi Zappatore informa che “il percorso di valorizzazione del bosco Marulli è già iniziato nei mesi scorsi, quando il comune di Poggiardo ha aderito al progetto della Provincia di Lecce denominato “I nidi artificiali”. Grazie a questa iniziativa, sono state installate dieci cassette-nido nuove all’interno dell’area di proprietà comunale “Bosco Marulli”, con lo scopo di favorire azioni di educazione ambientale, di protezione delle specie minacciate di estinzione, di ricerca e lotta biologica contro gli insetti in agricoltura e nei boschi”. Purtroppo un incendio ha causato, nei mesi scorsi, rilevanti danni al bosco: circa la metà di questo bosco è stata distrutta, causando con ciò alcuni problemi per la piena fruibilità del sito naturalistico. Ma il comune di Poggiardo si è già attivato per il ripristino dei luoghi e, d’intesa con gli uffici preposti della Regione Puglia, è stato stabilito che a settembre verrà effettuata la piantumazione di alberi nella parte distrutta dalle fiamme.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!