Non ci resta che vivere

Un memorial per le vittime della strada: mostra fotografica e artistica sul tema della sensibilizzazione e prevenzione degli incidenti stradali e fiaccolata in onore di tutte le vittime della strada. A concludere i Logo

In occasione del primo anniversario dalla morte di Luigi e Stefania Moschettini e di altri cinque giovani, a causa di un tragico incidente stradale, il 10 agosto 2008, i familiari ed alcuni amici hanno deciso di fondare un’associazione a loro dedicata con l’intento di portare avanti l’obiettivo e i valori di questi due giovani carpignanesi: “l’essere per gli altri”, un aiuto per il prossimo. Come primo anno dalla morte di sette ragazzi salentini, l'associazione ha deciso di organizzare una serata sul tema della sicurezza stradale. Il programma della serata prevede in apertura una mostra fotografica e artistica in piazza Duca D'Aosta, questo pomeriggio alle 18.30 sul tema della sensibilizzazione e prevenzione degli incidenti stradali; alle ore 20.00 partirà la Fiaccolata in onore di tutte le vittime della strada dalla villa comunale a cui seguirà una tavola rotonda con presentazione dell'associazione in piazza Duca D'Aosta. A concludere la serata, come inno alla vita, ci sarà un concerto dove si esibiranno i Logo. I Logo sono una band emergente salentina, sicuramente tra le più brillanti in campo nazionale, reduce dall’esperienza di SenremoWeb che li ha visti ospiti quest’anno sul palco dell’Ariston e sul palco di CasaSanremo; la band è impegnata alla realizzazione del suo primo lavoro discografico ma nel frattempo ha spopolato su Myspace con oltre 100.000 visite e si è esibita su molti grandi palchi del panorama nazionale, come il Rolling Stone di Milano che li ha premiati vincitori del Jack Daniel’s Live Tour di Rock TV che lo scorso anno ha permesso loro di esibirsi anche negli Stati Uniti. I Logo sono: Stefano Scuro (voce e chitarra) Salvatore Cafiero (chitarra e cori) Andrea Caputo ( basso) e Davide Mercaldi (batteria). In apertura di concerto si esibiranno anche i Dama.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!