“Guido con prudenza”. Ma mica poi tanto

Il fine settimana è sempre dedito ai controlli in strada. Diciannove le persone trovate con livelli di alcool nel sangue superiori ai limiti. Decurtati 275 punti

Oltre ai normali e regolari servizi di prevenzione, la Questura di Lecce e la Sezione di Polizia Stradale hanno impiegato 13 pattuglie destinate ad effettuare specifici controlli per prevenire comportamenti di guida scorretti. Nell’attività di prevenzione ha anche collaborato personale sanitario della Polizia di Stato, i medici del 118 e la Polizia Provinciale. Sono stati sottoposti a controlli con drug test e con etilometri numerose persone, perlopiù giovani: la fascia d’età è quella compresa tra i 18 ed i 32 anni. In totale, nella sola scorsa notte, sono stati eseguiti dalla Polizia di Stato ben 589 test con etilometro e 14 con drug test. Risultano 19 le persone denunciate per guida in stato di ebbrezza ed una per rifiuto a sottoporsi a test antidroga. Sono state complessivamente ritirate 19 patenti, una carta di circolazione, un’auto sequestrata e contestate 40 violazioni amministrative al codice della strada. Anche in questa scorsa notte si è positivamente verificato che gruppi di giovani avevano affidato la guida dell’auto ai “bob” e cioè al “guidatore designato”, il quale volontariamente aveva deciso di non consumare alcool e perciò assicurare una guida prudente anche in occasione del rientro a casa tornando dalla discoteca. A costoro sono stati consegnati dai poliziotti biglietti gratuiti per l’ingresso in discoteche delle riviere adriatiche e joniche. Complessivamente sono stati consegnati 42 biglietti omaggio.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!