Eccellenze gastronomiche a confronto

Vittorio Cavaliere, Cesare Fiorio, Francesco Nacci, Michele Peragine, Christine Smalwood, Dario Stefàno e Giacomo Mojoli dialogano sullo stato dell’arte della gastronomia pugliese

Grandi nomi quelli che parteciperanno all’incontro “La Puglia. Terra di enogastronomia” che si terrà questa sera alle ore 21.00 in vico III Paolo Chirulli di Ceglie Messapica per la prima edizione del “Puglia food & wine Festival“. A confronto la Puglia, terra di saperi e profumi, con le eccellenze enogastronomiche del resto d’Italia. La Puglia, terra che custodisce gelosamente, tramandandola di generazione in generazione, la maestria di fornai, casari e agricoltori capaci di trasformare i frutti della terra in prodotti semplici e, proprio per questo, ricchi di sapore e profumo. Terra di enogastronomia di qualità, che condensa in ogni suo piatto il carico di storia e di bellezza che la caratterizza. Terra che prende sempre più consapevolezza dell’immenso patrimonio rappresentato dai suo prodotti tipici e dalle sue tradizioni gastronomiche e lo trasforma in uno strumento di rilancio per il suo turismo. Terra di enogastronomia di qualità che diventa argomento di confronto tra appassionati, curiosi, gourmande ed operatori di settore, come in questo convegno, la cui segreteria organizzativa è curata dall’agenzia congressuale Plènium, che vuol essere prima di tutto un incontro conviviale per scoprire segreti e curiosità sul mondo dell’enogastronomia pugliese. Alla conferenza interverranno: • Vittorio Cavaliere, esperto di enogastronomia; • Cesare Fiorio, noto personaggio dell’automobilismo italiano; • Francesco Nacci, commissario APT di Brindisi; • Michele Peragine, giornalista Rai; • Christine Smalwood, scrittrice e direttore creativo di “Appetite for Europe”; • Dario Stefàno, Ass. Risorse Agroalimentari Regione Puglia. Il convegno sarà moderato da Giacomo Mojoli, famoso giornalista, esperto di enogastronomia e docente universitario.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment