Martano. La compagnia Calandra in scena con Sakara

La compagnia Calandra questa sera in scena con uno spettacolo dall'intreccio coinvolgente

Questa sera alle 21.00, presso il Palazzo Baronale di Martano, la Compagnia Teatrale “Calandra”, andrà in scena con “Sakara” di Donato Chiarello. Con: Donato Chiarello, Miryam Mariano, Antonio Giuri – Regia di Giuseppe Miggiano “E’ un atto d’amore, anzi un ‘ratto’ d’amore, una visione di cinque secoli fa intorno alla vicenda dei turchi e del Salento. Un Salento vissuto in prima persona tra rocce, mare, alberi d’ulivo e fichi. Il filo rosso che conduce per mano chi Aspetta (gli A-spettatori) è la canzone anonima del ‘600 “la rondinella”, struggente, rauca e misteriosa. E misterioso è il mito dell’incontro amoroso tra la sakara ‘che è un serpe di terra e la murena che è un serpe di mare’. E’ la storia di Fiamma (nello spettacolo non apparirà mai) che viene rapita dai turchi nella infausta presa di Otranto. Ma è anche la storia dell’innamorato di Fiamma, Angelo, che non riesce, sulle prime almeno, a salvarla, ma che ci mette l’anima, si gioca il proprio coraggio tra ricordi dell’infanzia, attaccamento morboso alla terra su cui vive e gli alberi che, come lui, vi attecchiscono. E’ soprattutto la storia di Agata, mamma di Angelo, la rondinella ‘in nuce’ che morirà per spada ottomana e che però, prima di morire svelerà al figlio il segreto di Fiamma; ma anche il mito della sakara e della murena. Sullo sfondo Edoardo, zio di Angelo, innamorato segretamente di Agata e infine Idrusa, personaggio ambiguo, misterioso ma reale nel contempo. E poi loro, gli ulivi e i fichi, i cui rami, alla luce fioca della luna e dell’alba, sembrano confondersi con l’atto amoroso di serpenti d’acqua e di terra.” (Donato Chiarello) Lo spettacolo, icona di una “salentintà” storica, ha interessato il Ministero della Cultura di varie nazioni e farà tappa, nei prossimi mesi in Spagna e in Perù.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment