Maria e fuochi illegali. Arrestato

Un meccanico di Uggiano La Chiesa coltivava marijuana nel box di casa e poi dai fuochi illegali costruiva su ordinazione altri giochi pirotecnici per le feste private

Un meccanico coltivatore di marijuana e all’occorrenza anche costruttore di giochi pirotecnici illegali su richiesta. Un ventinovenne di Uggiano La Chiesa è stato così arrestato dalla guardia di finanza della compagnia di Otranto con l’accusa di produzione di sostanze stupefacenti, detenzione e produzione illegale di fuochi pirotecnici. I finanzieri hanno trovato nel box della sua abitazione, un piccolo locale di 45 metri quadrati, un chilogrammo di marijuana già essiccata e tutta l’attrezzatura per la relativa coltivazione domestica. E poi fuochi pirotecnici super vietati, 337 in tutto, considerati pericolosi dalla legge. Fuochi per 50 chilogrammi di polvere pirica. Il 29enne, oltre alla coltivazione delle piante di marijuana, costruiva, infatti, anche fuochi artificiali su ordinazione per le feste private.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment