Cursi e Ballsh. Patto di gemellaggio

Suggellata la cooperazione tra il comune salentino e il comune albanese

E’ stato convocato il Consiglio Comunale del Comune di Cursi lunedì prossimo alle ore 11.00 per l’approvazione e la sottoscrizione del protocollo di cooperazione e gemellaggio tra il comune di Cursi e la città di Ballsh (Albania – Distretto di Fier). I rapporti fra le due realtà sono stati avviati a seguito delle relazioni che il Comune di Cursi ha avviato con la realtà albanese realizzando precedenti progetti nell’ambito del programma di Cooperazione INTERREG III Italia – Albania. Il distretto di Fier è situato al centro della depressione occidentale, che si estende da Velipoja, nel nord dell’Albania, fino alle coste di Valona. Fier presenta un clima tipico mediterraneo, con circa 300 giorni assolati, un inverno mite, umido, ed un'estate siccitosa e calda. La vicinanza con il mare Adriatico e i fiumi Seman, Gjanica e Vioussa costituiscono una garanzia in più per lo sviluppo del business. Le favorevoli condizioni climatiche, la giovane popolazione e la tradizionale accoglienza, rendono Fier un centro aperto per il business. Prima degli anni ’90, il distretto di Fier è stata una delle fonti di sopravvivenza per gli albanesi, grazia la petrolio ed all’agricoltura. La maggior parte dei giacimenti albanesi di petrolio si trovano nel bassopiano di Myzeqe e nelle zone di Ballsh e di Patos-Marinëz. Il gemellaggio tra le due realtà si inserisce nella strategia dell'Unione Europea allargata ad Est e nel Mediterraneo, dove fare rete assume un significato notevole, nella consapevolezza che l'incontro e lo scambio fra civiltà, culture ed esperienze diverse rappresentano un’importante occasione di crescita culturale e sociale per le intere Comunità. Alla cerimonia di gemellaggio che si terrà alle ore 11.00 di lunedì prossimo a Cursi presso il palazzo De Donno, parteciperanno oltre al sindaco di Ballsh anche 15 rappresentanti istituzionali della comunità albanese. Gli impegni che verranno sottoscritti dai due sindaci nel patto di gemellaggio e cooperazione sono finalizzati a: mantenere legami istituzionali tra le due Municipalità e promuovere la reciproca comprensione, amicizia e fraternità fra gli abitanti delle due Città e dei rispettivi Paesi; promuovere scambi tra i cittadini delle rispettive Comunità allo scopo di sviluppare la reciproca conoscenza nei campi dell'arte e della cultura, dell'economia e del commercio, dell'educazione, del governo, della sanità, della scienza, della tecnologia e del turismo; una particolare attenzione è riservata alle problematiche di carattere ambientale dell’area di Ballsh e, pertanto, si favoriranno interventi e azioni per la tutela dell’ambiente, proponendo un graduale quanto tempestivo adeguamento alle normative ed agli standard europei; congiungere gli sforzi per favorire, con l'utilizzo migliore dei propri mezzi il successo del gemellaggio necessario alla Pace e alla prosperità delle rispettive comunità. Il protocollo di Gemellaggio/Cooperazione è finalizzato a sviluppare una reciproca collaborazione e realizzare azioni e progetti comuni nell’ambito dei programmi regionali e nazionali, delle iniziative comunitarie e degli altri strumenti riconducibili alle politiche di cooperazione interregionale, transnazionale, transfrontaliera (periodo di programmazione 2007-2013) che riguardino competenze e ruoli delle Municipalità. Una prima concreta azione di cooperazione potrà essere realizzata e finanziata nell’ambito del Programma di cooperazione transfrontaliero IPA Adriatico pubblicato proprio in questi giorni e che assegna 90 giorni per la presentazione delle proposte progettuali.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!