Il filobus non parte

Paolo Perrone, sindaco di Lecce, ha firmato il contratto di affidamento del servizio alla Sgm. Che, per attivarlo, ha bisogno di un direttore di esercizio. Impossibile da reperire, ad agosto

Parlare di filobus a Lecce è come parlare di una chimera. La metropolitana di superficie è stata presentata più di una volta ai cittadini, ed ogni volta in pompa magna, con proclami da rivoluzione, che poi non ha mai avuto luogo. “Tra pochi giorni – ha annunciato nelle scorse ore Giuseppe Ripa, assessore comunale al Traffico – sarà resa nota la data di partenza delle corsie preferenziali”. Il che significa necessariamente fare i conti con l’attivazione del servizio. Paolo Perrone, sindaco di Lecce, si è detto stanco del continuo “tira e molla” da parte della Sgm, la società cui è stato affidato il servizio, e ieri ha firmato l’atto formale di affidamento per impegnare una volta per tutte la società di trasporti a fare sul serio. Ma dalla Sgm rispondono che gli slittamenti della data di attivazione dipendono dalla mancanza di un direttore di esercizio; problema dalla risoluzione tutt’altro che facile, dal momento che in Italia esistono circa sei o sette figure di tal tipo. Impresa ardua, se non impossibile, reperirne una in agosto. Va da sé che il filobus non partirà nemmeno a settembre. Nel frattempo, il Comune si impegnerà ad “educare” i cittadini all’utilizzo delle corsie preferenziali tramite volantini ed altro materiale informativo. Prima o poi – è ciò che si augurano i leccesi – qualcosa si muoverà. Magari il filobus.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!