Salentoterapia. E l’Afghanistan sorride

Un anno di Salento anche a Kabul. Tramite Graziano Giustizieri, caporal maggiore, arriverà ad ogni soldato salentino in Afghanistan una copia del calendario “curativo” di Repubblica Salentina

Sarà il caporal maggiore Graziano Giustizieri (Folgore 186° paracadustiti Siena), di Sannicola, a fare da “ponte” tra il Salento ed i soldati salentini di stanza in Afghanistan. Il primo contatto è arrivato tramite il social network di Facebook. Da Kabul, infatti, Giustizieri venerdì mattina ha scritto sulla bacheca del gruppo “Malati di Salentite” (www.facebook.com/group.php?gid=97026863003) sottolineando quanto lui ed i suoi compagni di missione fossero “affetti” da questa grave infezione e quanto loro mancasse il proprio territorio. Sono poi bastati pochi scambi di battute tramite mail tra lo staff di Repubblica Salentina, Graziano Giustizieri e Sara Margarito (fidanzata del militare), per prendere gli opportuni accordi e gli indirizzi per inviare per posta le copie necessarie del nuovo calendario turistico (www.repubblicasalentina.it/calendario) ai militari salentini in missione. Da questo momento in poi, quindi, saranno le “cure” e le foto riportate sul calendario a donare sollievo ai militari leccesi a Kabul. Il calendario della “Salentoterapia”, realizzato in italiano ed in inglese, svela, ogni mese, tutti i segreti delle 12 terapie naturali che donano benessere in terra salentina. Sono: massaggioterapia, fitoterapia, idroterapia, arteterapia, fototerapia, aromaterapia, elioterapia, ciboterapia, musicoterapia, cromoterapia, rilassoterapia, danzaterapia. Ad accompagnare queste cure alternative, sul calendario vi sono le 12 foto e le 12 località sulla costa e nell'entroterra salentino che meglio si offrono ai trattamenti. Si tratta di Torre Suda, Santa Cesarea Terme, Castro, Lecce, Gallipoli, Santa Maria di Leuca, Porto Cesareo, Maglie, Galatina, Otranto, Torre San Giovanni e Melpignano.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment