Scuola Infermieri Tricase. No alla chiusura

Per scongiurare l'ipotesi Teresa Bellanova dichiara:”Non si può penalizzare il Salento privandolo di risorse e professionalità”

Teresa Bellanova, parlamentare del PD e componente della Commissione Lavoro della Camera, interviene in merito all’ipotesi di chiusura della scuola infermieri di Tricase. Per la parlamentare è un’altra, inaccettabile penalizzazione del Salento, che risulterebbe ingiustamente privato di risorse umane e professionali. “Non cambiano i numeri degli ammessi ai corsi- commenta- ma le sedi vengono ridotte a vantaggio delle aree più “a nord”, con una logica che non risponde alla realtà della nostra regione e che penalizza ulteriormente un territorio già provato dalla crisi economica e occupazionale. La Scuola Infermieri di Tricase è nota per essere una delle migliori scuole di questo genere nel Mezzogiorno, e la sua soppressione arriverebbe dopo quella dei corsi per tecnici di radiologia, di laboratorio analisi, per terapisti della riabilitazione. Insomma, mentre la richiesta di queste figure professionali rimane intatta, il Salento sarebbe costretto a “esportare” ancora materiale umano e l’Ospedale “Panico” risulterebbe indebolito invece che essere valorizzato per quello che è, e cioè uno dei punti più avanzati del sistema sanitario salentino e pugliese”. Auspica pertanto un cambiamento di rotta in materia: “Mi mobiliterò con ogni mezzo nelle sedi competenti. La Regione intervenga per evitare questa ulteriore penalizzazione del Salento e dei tanti giovani che hanno il diritto di studiare nel proprio territorio, senza dover “emigrare” con un aggravio di costi per le famiglie e di dispendio di energie”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!