Morte nel sottopasso. Due indagati

I carabinieri hanno concluso gli accertamenti. Nel mirino chi avrebbe dovuto disporre misure di sicurezza nella zona

Il reato ipotizzato è quello di omicidio colposo. Ed ora nel registro degli indagati per la morte dell’avvocato Carlo Andrea De Pace nel sottopasso leccese allagato durante il nubifragio di alcuni giorni fa, ci sarebbero anche due nomi. Ai carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile della Compagnia di Lecce il sostituto procuratore Paola Guglielmi aveva chiesto di identificare, nell’ambito degli uffici comunali, i soggetti che avrebbero dovuto garantire le misure di sicurezza per evitare il transito in quella zona della città. Dalle indagini dei militari è emerso che non era stato adottato alcun provvedimento urgente per evitare la circolazione dei veicoli. Non trovando impedimenti al passaggio, De Pace imboccò dunque il sottopasso finendo intrappolato nell’acqua.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment