Un “Galateo” ad opera d'arte

Tra le corsie dell'ospedale una mostra permanente di arte contemporanea: “La luce nell’archè della vita”

di Daria Ricci “L’arte figurativa ha sempre esercitato un ruolo che definirei magico, nell’equilibrio della psiche” dice il dottor Clemente Salerno. Ed ecco che il suo nuovo reparto, quello da lui diretto, di Cardiologia Riabilitativa dell’ospedale ‘A. Galateo’ di San Cesario di Lecce, tra le sue corsie ospiterà una mostra permanente di arte contemporanea: ‘La luce nell’archè della vita’. Quindici gli artisti in mostra, non solo salentini , cinque risiedono in varie regioni d’Italia. Una bellissima idea. Un momento diverso tra le corsie di un ospedale “per recare sollievo e serenità al paziente cardiopatico in attesa di guarigione”. Una collezione d’arte di artisti contemporanei che nelle loro opere alludono alla luce per infondere speranza e ottimismo. Ad accogliere i pazienti e non solo, una grande tela esposta nell’atrio dell’ospedale che raffigura una sobria ‘Adorazione dei pastori’, eseguita da un ignoto pittore attivo nella prima metà del XVIII secolo. Nel dipinto il Bambin Gesù irradia luce sul volto della Vergine e sul volto dei pastori adoranti. “ I colori con i quali viene realizzato un dipinto, la veduta d’assieme, sono indubbiamente e in maniera dimostrata, fattori condizionanti euforia o disforia a seconda dell’espressione dell’opera stessa” dice ancora il dottor Salerno. L’augurio è che le bellissime opere ospitate nell’oepedale ‘Galateo’, portino sollievo, curiosità, amore per l’arte e contribuiscano positivamente alla guarigione. Ecco gli artisti : Antonio Del Donno, Riri Negri, Giovanni Valentini, Pino Viscusi, Agostino Tulumello, Umberto Albanese, Vittorio Balsebre, Roberto Buttazzo, Caterina Gerardi, Pietro Liaci, Cosimo Marullo, Enzo Miglietta, Anna Panareo, Cosimo Damiano Tondo, Romano Sambati.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!