Roca li posti. Una tettoia sotto sequestro

Nella marina di Melendugno sigilli ad una tettoia in legno di 75 metri quadrati e sequestrato un piazzale di circa 300 metri di un bar-trattoria

Verifiche da parte dei carabinieri e della guardia di finanza hanno portato a sequestri di strutture non a norma di legge. I militari del Nucleo operativo ecologico di Lecce, nell'ambito di una specifica attività di controllo ambientale lungo le coste del Salento, hanno sequestrato a “Roca li posti”, marina di Melendugno, una tettoia in legno di 75 metri quadrati ed un piazzale di circa 300 metri quadrati, entrambi di pertinenza di un ristorante – bar, realizzati abusivamente poiché difformi dalle autorizzazioni rilasciate. In particolare il piazzale era stato anche pavimentato senza alcun permesso, il tutto aggravato dal fatto che la struttura si trova a poche decine di metri dal mare. L'amministratore della società, proprietaria dell'attività commerciale, è stato segnalato alla procura della repubblica di lecce per abusivismo edilizio e deturpamento di bellezze naturali.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!