Gallipoli. Più sicurezza con la videosorveglianza

Il progetto è stato fortemente voluto per monitorare il territorio cittadino al fine di innalzare la sicurezza e contrastare potenziali episodi illeciti

Novità in vista per il progetto di videosorveglianza voluto dall'amministrazione comunale per monitorare il territorio cittadino al fine di innalzare la sicurezza e contrastare potenziali episodi illeciti. In questi giorni, infatti, l'esecutivo di palazzo Balsamo ha approvato il relativo piano, inviandolo – per il tramite della Prefettura – al Ministero degli Interni. A spiegare le caratteristiche del dispositivo è l'assessore per i rapporti con i cittadini e le istituzioni, Giorgio Cacciatori. “L'obiettivo che ci proponiamo – ha detto – è molteplice: non solo, infatti, rilevare situazioni di pericolo per la sicurezza pubblica, ma anche intervenire laddove si verifichino emergenze, facilitare l'attività di Polizia Urbana nella gestione del traffico e quella delle forze dell'ordine nel contrasto a fattispecie illecite”. Lo studio di questi mesi, propedeutico per la predisposizione del piano di videosorveglianza, ha consentito di dividere Gallipoli in cinque macro zone cittadine, composte da ulteriori siti da monitorare. Nel dettaglio si tratta di 70 punti sensibili su tutto il territorio locale, suddivisi tra i 17 del centro storico, i 37 del borgo e delle periferie, i 5 a testa di Rivabella e di Lido Conchiglie e i sei della Baia Verde. Molto importante, per l'economia dell'intero discorso, è stata anche la previsione di 25 colonnine “s.o.s.”, che consentono all'utenza di poter inoltrare la richiesta di emergenza, indirizzata in tempo reale, per il conseguente intervento, presso le centrali operative che gestiscono il flusso di informazioni e che saranno ubicate presso le sedi locali della Polizia Municipale, della Polizia di Stato e dei Carabinieri. “Il sistema – ha continuato Cacciatori – mira pertanto a contrastare, quale forma di deterrente, fenomeni di bullismo, danneggiamento e di vandalismo in luoghi pubblici, contro monumenti e soprattutto ai danni di persone, nonché anche reati come quelli di natura ambientale che feriscono e danneggiano l'immagine della città”. Un sistema, dunque, che oltre ad avere forti livelli deterrenti consentirà un monitoraggio discreto, un controllo di vaste aree in tempi ristretti, l'ottimizzazione delle risorse umane disponibili e dei costi di difesa del territorio oltre al controllo di aree remote e senza presidio.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!