Marketing e comunicazione per il rilancio del Salento

Le prospettive di ambiente, enogastronomia e turismo nel convegno organizzato da ASESI presso Borgo Cardigliano a Specchia

Atto conclusivo di quattro corsi di formazione specialistica organizzati da ASESI (Associazione di Servizi Sindacali) è stato il convegno di questa mattina, mercoledì 24 giugno presso Borgo Cardigliano. “Marketing e Comunicazione per il rilancio del Salento” il titolo dell'incontro cui ha partecipato una folta platea di interessati spettatori. Ha introdotto i lavori Franco Surano, presidente Asesi. Surano ha successivamente passato la parola a Marco Barbieri, assessore regionale alla Formazione. Questi ha relazionato su “La Formazione: valore imprescindibile per la crescita del territorio”. Di “Marketing territoriale: le opportunità per le aziende nel Salento” ha parlato Gianluigi Guido, docente di Economia e Gestione delle Imprese presso la Facoltà di Economia dell’Università del Salento. Giovanni Zurlino, docente di Ecologia presso il Dipartimento di Scienze e Tecnologie biologiche ed ambientali dell’Università del Salento, ha illustrato “Scenari attuali e prospettive della Green Economy”. Su “Territorio e Turismo: punti di forza e criticità” ha richiamato l'attenzione Massimo Rota, presidente di Assoturismo Lecce, mentre Tonio Piceci, ricercatore delle tradizioni popolari salentine, enogastronomo e giornalista ha puntato un focus su “Identità locali e prodotti enogastronomici: un’opportunità di sviluppo territoriale”. In seguito agli interventi dei relatori, ha avuto inizio il dibattito ed il confronto con gli allievi dei corsi. Moderatore dell'incontro è stato Marco Renna, giornalista.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment