Dal neo presidente ai neo maturandi

Antonio Gabellone manda il suo primo messaggio ai maturandi, ben ottomila nel Salento

Esordisce così il neo eletto presidente alla Provincia di Lecce, Antonio Gabellone: “Sarà semplicemente un caso oppure un bellissimo segno del destino, ma il mio primo messaggio ai salentini non potevo che sognarlo diretto ai giovani, agli oltre 8mila ragazzi che in queste ore si stanno confrontando con l’esame di maturità. A voi va il mio primo messaggio da Presidente, un sincero e convinto “in bocca al lupo!”, con la speranza che le imminenti prove siano soltanto un’occasione per sperimentare la vostra capacità di mettere al servizio del Salento il talento e la sconfinata creatività di cui siete dotati”. “La mia speranza è però anche un’altra, – ha continuato- ancor più sostanziale per il futuro: che questi giorni siano per voi decisivi a cogliere ed affermare doti e aspirazioni, per conoscere meglio voi stessi e valutare con consapevolezza le scelte che avete fatto per la vostra vita. In questo momento, cari ragazzi, vorrei rivolgervi le stesse parole che tante volte avete sentito da insegnanti, genitori e amici più grandi: affrontate l’esame con impegno, certamente, ma anche con serenità, convinti che le vostre inclinazioni e aspirazioni di vita alla fine saranno più forti e radicate di prima”. “Soprattutto, vorrei chiedervi di non dimenticarvi che il vostro successo sarà anche il giusto premio al lavoro di centinaia di famiglie, dirigenti scolastici e insegnanti che in questi anni vi hanno seguito sino a questo traguardo”. “In bocca al lupo!” – ha concluso Antonio Gabellone- da un Presidente della Provincia che ha bisogno delle vostre idee, giovani e vincenti”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment