Pesca in apnea. Un salentino in finale

Si chiama Luca Puretti. Parteciperà al campionato italiano assoluto di pesca in apnea in programma dal 17 al 20 settembre prossimi a Marsala

Luca Puretti dell’Asd “I Corsari” di Martignano è stato promosso in prima categoria e parteciperà al Campionato Italiano Assoluto di pesca in apnea in programma dal 17 al 20 settembre prossimi a Marsala. L’atleta salentino ha staccato il biglietto per la competizione nazionale nella Semifinale B che si è svolta venerdì e sabato scorsi nel tratto di mare compreso tra Frigole e Casalabate, a cui hanno preso parte com-plessivamente 27 atleti. Tra questi, i primi nove classificati (insieme ai primi 11 del-la Semifinale A riservata al centro-nord) guadagnavano il diritto a partecipare alla finale: Puretti, che non partiva certo tra i favoriti della vigilia, è stato autore di una rimonta entusiasmante nel secondo giorno di gare dopo una prima giornata piutto-sto anonima. È riuscito quindi a piazzarsi 7° grazie alle 8 prede pescate, apparte-nenti a due specie tra quelle ammesse, per un totale di 4,5 kg di pescato. Niente da fare per l’altro salentino in gara, Michele Racioppi del “Cjs Atlantide” di Copertino, giunto 15°: per lui 3 prede appartenenti a 2 specie, per un totale di 2,085kg di pe-scato, ma niente qualificazione. La gara è stata bella ed appassionante, anche se maggiormente ricca di difficoltà ri-spetto agli anni precedenti. Il maltempo, minaccioso per tutta la settimana e scate-nato poi a neppure 12 ore di distanza dal termine della manifestazione, ha reso im-praticabili alle perlustrazioni i campi nei giorni precedenti le gare: «I sopralluoghi effettuati dai partecipanti dal lunedì al mercoledì sono stati vanificati dalla mareg-giata di giovedì, che ha fatto spostare tutti i pesci individuati nei giorni precedenti – ha spiegato Annarita Bucari, presidente dell’associazione “Centro Blu Mare” di Lecce che organizza il Campionato -. Di conseguenza durante il primo giorno si è pescato pochissimo, anche perché l’acqua era sporca. Sabato le condizioni di visibi-lità sono migliorate, ma si è alzato il vento che ha reso difficili gli spostamenti e ral-lentato le operazioni di pesatura, interrotte anche dall’improvvisa rottura della bi-lancia. Nonostante tutti questi intoppi ed imprevisti siamo riusciti a portare a ter-mine la gara, grazie anche all’organizzazione ed all’aiuto della Lega Navale di Fri-gole presieduta da Alessandro Cargiulo». Non sono mancate le curiosità: nessun barracuda, come accadde l’anno scorso, ma un pesce serra da 3,780 kg pescato da Alessandro Musetti (Air Sub Apnea Team di Cagliari), che è stata anche la preda più grande portata al peso in tutta la competi-zione ma non è riuscita a farlo rientrare nei 9 qualificati. Le più prestigiose due dentici da 2kg, pescati entrambi da Felice Concetto: rientrando nella categoria del-le prede “speciali” hanno garantito al siracusano il bonus di 1000 punti che lo ha catapultato in vetta alla classifica già dopo il primo giorno di gare. Risultato poi confermato sabato. La manifestazione è stata patrocinata dal Coni di Lecce, dalla Regione Puglia, dalla Provincia di Lecce e dal Comune di Lecce. La direzione delle gare affidata a France-sco Lanna, giudice Mario Borsesi.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati