Truffa all'Inps. Altri 27 indagati

Assunzioni fasulle. Altre cinque ditte coinvolte nel giro di circa 335mila euro. All'apice la stessa agenzia di consulenza

Nel mirino l’agenzia di consulenza “Acquaviva” di Casarano, gestita dai tre fratelli Antonio Giovanni, 44enne, Giuseppe, 54enne e Bianca Maria, di 59 anni. La stessa agenzia sarebbe dietro a cinque ulteriori casi di aziende (tre di Matino, due di Casarano), con 27 nuovi indagati, questa volta a piede libero: tutte persone residenti fra Casarano, Matino, Collepasso. I finanzieri hanno dunque ravvisato lo stesso meccanismo, con ipotesi di reato che vanno dalla già citata associazione per delinquere, passando dalla truffa aggravata ai danni dell’Istituto previdenziale e concludendo con il falso ideologico. E si calcola che attraverso la fittizia assunzione di lavoratori, le società in questione avrebbero indebitamente percepito contributi assistenziali e previdenziali per circa 335mila euro.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment