Lecce. Trasporto scolastico 2009/10

Le domande si possono presentare entro il 30 giugno

Maria Teresa Romoli, dirigente del settore “Pubblica Istruzione” rende noto che anche per il prossimo anno scolastico 2009/2010 si provvederà al trasporto scolastico (regolamentato con deliberazione C.C. n. 41 del 13 giugno 2006). Il servizio viene effettuato con appositi scuolabus ed è riservato ai bambini di Scuola dell’Infanzia e di Scuola Primaria residenti nel territorio comunale al di fuori dell’area urbana. Saranno attivate otto linee scuolabus: San Cataldo (Scuola Primaria “Le Vele” e Scuola dell’Infanzia statale viale Roma), Borgo San Nicola (Scuola Primaria “Tempesta” di via Archita da Taranto, Scuola dell’Infanzia statale di via Ofanto e Scuola Primaria di via Palumbo), Frigole (Scuola dell’Infanzia statale e Scuola Primaria plesso Frigole), Frigole seconda linea (Scuola dell’Infanzia statale e Scuola Primaria plesso Frigole), Borgo Pace (Scuola Primaria “De Amicis”), Villa Convento (Scuola dell’Infanzia comunale Villa Convento e Scuola Primaria “Diaz”), Campo Panareo (Scuola dell’Infanzia statale di via Sozy Carafa, Scuola dell’Infanzia comunale di via delle Anime e Scuola Primaria “Diaz”) e Campo Panareo seconda linea (Scuola Primaria di via Aprile, Scuola Primaria di via Abruzzi e Scuola dell’Infanzia “Rodari”). I genitori degli studenti possono presentare domanda sull’apposito modulo (cui deve essere allegata attestazione ISEE redditi 2008) entro il 30 giugno 2009 presso l’Ufficio Diritto allo Studio in viale Foscolo n. 31/A da lunedì a venerdì dalle ore 08:30 alle ore 12:00 ed il martedì anche dalle ore 15:30 alle ore 17:30. Regolamento, modelli di domanda e autocertificazione sono consultabili e rilevabili dal sito www.comune.lecce.it.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment