Lecce. Chiuso un tratto di circonvallazione

Traffico interdetto su viale Japigia e viale Leopardi

L’amministrazione comunale deve eseguire i lavori per il rifacimento del manto stradale di viale Japigia (nel tratto compreso tra via Croce e via del Mare) e di viale Leopardi (nel tratto compreso tra via del Mare e viale Giovanni Paolo II), nonché del sottovia ricadente in questi tratti stradali. Il dirigente del settore Traffico e Mobilità ha emesso un’ordinanza (n. 526) con la quale si dettano limitazioni e divieti al traffico veicolare nei prossimi giorni. In particolare, il provvedimento ordina (da ieri a venerdì, dalle ore 06.00 alle ore 18.00) il divieto di fermata su viale Leopardi (nel tratto compreso tra viale Giovanni Paolo II e via del Mare) e viale Japigia (nel tratto compreso tra via Croce e via del Mare). Inoltre, l’ordinanza stabilisce (da oggi a venerdì dalle ore 06.00 alle ore 18.00) il divieto di transito su viale Leopardi (nel tratto compreso tra viale Giovanni Paolo II e via del Mare) e viale Japigia (nel tratto compreso tra via Croce e via del Mare) ed il divieto di accesso su viale Japigia (direzione verso il sottovia, dall’incrocio con via Gramsci), via Croce (direzione verso viale Japigia, dall’incrocio con via Fornari), via Lupiae (direzione viale Japigia, dall’incrocio con via B. da Lama), via Scarpa (direzione viale Leopardi, dall’incrocio con via Pepe), viale Leopardi (direzione verso viale Giovanni Paolo II, dall’incrocio con via del Mare) e viale Japigia (direzione verso via Battisti, dall’incrocio con via del Mare). Sono esclusi dai provvedimenti (compatibilmente con lo stato dei lavori e comunque sempre nel rispetto del divieto di fermata) i residenti, gli autobus urbani, i taxi, i mezzi di soccorso, di Polizia, della raccolta dei rifiuti solidi urbani, di quelli dell’Acquedotto Pugliese, Enel, Enel Gas, Telecom con le relative ditte subappaltatrici, i portatori di handicap residenti nelle zone interdette alla circolazione veicolare muniti del relativo contrassegno e i veicoli degli Istituti di Vigilanza.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!