Nardò. Rifiuti? Terreno sequestrato

Sotto sequestro una parte del terreno di proprietà di U.P. (settantaduenne di Nardò), sito in agro di Nardò, zona Castellino

Nei giorni scorsi, i vigili urbani del nucleo della tutela ambientale, con la collaborazione della polizia provinciale, nell’ambito di un servizio mirato alla tutela dell’ambiente, hanno posto sotto sequestro una parte del terreno di proprietà di U.P. (settantaduenne di Nardò), sito in agro di Nardò, zona Castellino. Gli investigatori hanno accertato la presenza di residui plastici in parte già inceneriti, nonché l’abbandono incontrollato di pneumatici, batterie esauste e di rottami ferrosi vari. Convocato ed ascoltato il proprietario, si è proceduto alla contestazione diretta degli addebiti ed alla nomina dello stesso custode giudiziale dell’immobile sequestrato, dandone informazione alla competente Procura della Repubblica presso il Tribunale di Lecce. Le operazioni di controllo continueranno anche nei prossimi giorni. “I livelli di inciviltà raggiunti dai nemici dell’ambiente – ha dichiarato il Comandante Cosimo Tarantino – hanno toccato oramai soglie tali da non consentire il benché minimo abbassamento della guardia. Nell’ambito delle nostre capacità proseguiremo la nostra battaglia già da tempo iniziata, assicurando massima severità ai rei”

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!